Barbara Nati ricostruisce, attraverso alberi che hanno per chiome delle stanze in rovina il rapporto che la nuova forma dell’umano ha con la sua memoria; la rovine si sedimentano come labirintiche stanze di ricordi perdute, per svuotarsi di senso costituendo, così, ricordi dolorosi della perdita.